CookiesAccept

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Articoli

L'Upea è sconfitta a Trento 82-64

{xtypo_rounded2}

L'UPEA È SCONFITTA A TRENTO 14/12/2013

Aquila Basket Trento – Upea Capo d’Orlando 82-64 (11-22)(25-36)(56-48)

Aquila Basket Trento: Triche 4, Bailoni ne, Fiorito, Elder 7, Pascolo 23, Molinaro ne, Baldi Rossi 14, Forray 14, Lechthaler 1, Spanghero 11. All.: Buscaglia

Upea Capo d'Orlando: Nicevic 10, Portannese 10, Archie 13, Ciribeni, Cefarelli 2, Benevelli 13, Laquintana, Soragna 7, Basile 9, Busco ne. All.: Pozzecco

orlandina 2Non riesce l’impresa all’Orlandina che viene sconfitta al PalaTrento dal team allenato da coach Buscaglia per 82-64. Privi di D’wayne Mays, contro la capolista del campionato, l’Upea non è riuscita a mantenere il vantaggio accumulato nei primi due quarti (+12) e ha ceduto nel finale ai padroni di casa. Questo lo starting five paladino contro Trento: Laquintana, Portannese, Soragna, Archie e Nicevic da Pozzecco.

Partenza sprint per i biancazzurri, dopo soli 2’ minuti sono avanti 0-5 grazie alla realizzazione dalla media distanza di Sandro Nicevic e alla tripla di Matteo Soragna. La squadra di coach Buscaglia risponde con Pascolo che ne mette due facili da sotto e Toto Forray che piazza una tripla (5-7 dopo 4’). Archie mette una bomba su assist di Portannese e poi si ripete a referto conquistando il rimbalzo e appoggiando da sotto (7-12 dopo 5’). Ancora su assist di Portannese arriva il canestro da tre punti di Andrea Benevelli che porta l’Upea sopra di +6 (9-15 a 3’ dalla prima sirena). La guardia agrigentina è scatenata e punisce i padroni di casa con un altro tiro dall’arco. Archie trova altri due punti con il tap-in in correzione sul tiro tentato da Laquintana da fuori così. Il primo quarto si chiude sull’11-22 per l’Upea.

La seconda frazione si apre con la schiacciata di Dominique Archie. All’ala americana replicano Spanghero e Pascolo, Coach Pozzecco chiama allora time-out sul 15-24 dopo 2’. Andrea Benevelli da sotto e Portannese dalla media realizzano per l’Upea dopo la sospensione chiamata dal coach orlandino. Altri due del lungo pesarese a 4’ dalla pausa lunga portano Capo d’Orlando sul +12 (18-30). Teo Soragna con due grandi giocate in post basso continua a incrementare il bottino di punti per l’Upea e il vantaggio resta invariato quando mancano 2’ al termine del quarto (22-34). Lechthaler da sotto tiene vivo il possesso e realizza, ma dall’altra parte è il rientrante Nicevic a colpire. All’intervallo l’Upea è ancora avanti di 11 lunghezze (25-36)

Al rientro sul parquet Pascolo fa quattro punti di fila e Coach Pozzecco chiama prontamente un altro time-out. Nicevic fa 2/2 in lunetta, ma Baldi Rossi va a segno dall’arco. Alla tripla di Portannese e i due punti di Nicevic, seguono le i canestri da 3 di Triche e Forray e Trento è ora alla distanza di un possesso: 40-43. Baldi Rossi in contropiede con l’arresto e il tiro dall’arco che valgono la parità (43-43 dopo 5’). L’Aquila Basket con 4 punti di Elder e 2 di Pascolo è ora sopra di 6 (49-43). L’ex di turno Andrea Benevelli interrompe il digiuno dell’Upea, poi arriva anche la tripla di Basile (49-48 con 3’ da giocare), ma nei 180 secondi che restano prima della sirena non arrivano punti per i siciliani, si chiude il periodo sul 56-48 per Trento.

Nell’ultimo quarto Trento trova punti con facilità e dopo 5’ è già sul 71-56. Anche se la gara è ormai persa Basile non ci sta, piazza una bomba delle sue e segna in penetrazione subendo il fallo, realizzando il libero supplementare (76-62 a 3’ dalla fine). Termina 82-64 per i padroni di casa.

«C’è grande dispiacere da parte nostra per come è andata la gara – ammette coach Pozzecco nella conferenza stampa post partita – nei primi due quarti avevamo difeso bene, concedendo pochissimo e in attacco aveva fatto il nostro. Nel terzo quarto abbiamo smesso subito di difendere con intensità e siamo stati puniti. Immaginavo un rientro di Trento, ma abbiamo concesso loro troppo presto questa possibilità. Non mi piace parlare degli arbitri perché non questa la mia filosofia di vita e di gioco, loro per me sono parte integrante dello spettacolo di questo sport. Complimenti a Trento – conclude Pozzecco - a inizio stagione non erano dati tra le squadre più pronte a stare in vetta, ma hanno saputo ribaltare questo pronostico».

Ufficio Stampa Orlandina Basket

{/xtypo_rounded2}

 

primi sui motori con e-max.it

Statistiche

gol-pallone-in-rete.jpg