Non vince ma convince l’Asd Furci del presidente Pino che, nella seconda di ritorno alla ripresa degli impegni agonistici post-festività, porta a casa un punto conquistato con una buona prova sull’erbetta sintetica di Mili contro la terza forza del campionato, il Riviera dello Stretto di mister Nino Naccari. Pareggio che è il risultato più giusto perché la summa esatta, e non sempre nel calcio succede, di quanto visto in campo: ottimo avvio del Furci che per mezz’ora imbriglia la manovra dei messinesi fallendo delle buone opportunità in avanti, con il ritorno della squadra di casa nel finale; ripresa più convinta del Riviera dello Stretto che però fallisce le poche occasioni concesse dalla attenta difesa furcese di concretizzare una supremazia solo territoriale, con gli ionici che mai hanno rinunciato al contrattacco ribattendo colpo su colpo. Conseguenza più ovvia uno zero a zero che accontenta più la squadra di Carpillo che non può che considerare ottimo un punto raccolto su un campo dove pochissime squadre hanno portato a casa un risultato utile.

{xtypo_rounded2}

Calcio I Categoria: il Furci impatta con il Riviera dello Stretto

09/01/2011 18:33

Non vince ma convince l’Asd Furci del presidente Pino che, nella seconda di ritorno alla ripresa degli impegni agonistici post-festività, porta a casa un punto conquistato con una buona prova sull’erbetta sintetica di Mili contro la terza forza del campionato, il Riviera dello Stretto di mister Nino Naccari. Pareggio che è il risultato più giusto perché la summa esatta, e non sempre nel calcio succede, di quanto visto in campo: ottimo avvio del Furci che per mezz’ora imbriglia la manovra dei messinesi fallendo delle buone opportunità in avanti, con il ritorno della squadra di casa nel finale; ripresa più convinta del Riviera dello Stretto che però fallisce le poche occasioni concesse dalla attenta difesa furcese di concretizzare una supremazia solo territoriale, con gli ionici che mai hanno rinunciato al contrattacco ribattendo colpo su colpo. Conseguenza più ovvia uno zero a zero che accontenta più la squadra di Carpillo che non può che considerare ottimo un punto raccolto su un campo dove pochissime squadre hanno portato a casa un risultato utile.

 

Squalificato Pino e con Frazzica in panchina, reduce da un piccolo problema alla caviglia, Carpillo schiera con successo Cerrito al centro della difesa in coppia con Pugliesi, fascia di capitano sulla corsia di sinistra al “giovane” Mercurio con Silvio a presidiare quella di destra; linea di centrocampo a quattro con da sinistra Ponzio, Giuffrida, Fleres e Davide Proteggente; Foti e Miano le punte. Qualche assenza, per altro ben compensata, anche nelle fila del Rivera dello stretto.
Ma sono gli ospiti ad iniziare meglio con un Ponzio che, quando si propone sulla sinistra, crea sempre scompiglio: è solo il quarto quando il numero dieci furcese trova un ottimo spunto e sere Foti che gode di una certa libertà in area; stop e tiro dell’attaccante ex Riviera che cerca la vendetta dell’ex, ma il tiro è rimpallato con Giuffrida lesto a proporre una nuova conclusione che viene ancora deviata in angolo. Un minuto dopo la risposta dei blu di casa con Buonasera che viene ben pescato in profondità da De Francesco, ma l’uscita di Burgio al limite d’area ne stronca l’opportunità in maniera perentoria. Riviera dello Stretto che cerca di tenere in mano le chiavi del centrocampo, ma davanti alla ordinata retroguardia del Furci c’è spazio solo per conclusioni da fuori che non trovano mai lo specchio della porta. Al 18’ e Caristi a spizzicare di testa su corner ma la sua torre innesca una mischia in area prontamente sedata.
Autorevole la prova a centrocampo di Giuffrida che trascina i suoi e al 25’ trova un varco per Proteggente che giunto al limite d’area conclude incontrando la risposta di Salvatore che in tuffo devia in angolo. Cerca di limitare il buon momento dei Furcesi il Riviera dello Stretto ma produce solo una conclusione alta di Saporoso che, pressato, si gira bene ma affretta il tiro e calcia alto dal limite.
Ponzio sulla sinistra è una autentica spina nel fianco per la difesa di casa: al 32’ la sua progressione produce un insidioso cross per Foti disinnescato da Salvatore nonostante il disturbo dell’attaccante; ficcante il contropiede avviato dallo stesso cinque minuti dopo, che porta al tiro Miano che si vede il tiro deviato in un quasi autogol.
A questo punto sale di tono la partita con la squadra di casa che cerca di spegnere l’esuberanza dei furcesi: ottima la percussione di Zanghì al 38’ con Burgio ancora bravissimo a chiudere lo specchio della porta in uscita; paura per il numero uno furcese un minuto dopo, con Colonia che per poco non lo beffa con un tiro cross dalla destra verso il palo lontano. E’ il momento migliore della squadra di Naccari che aumenta i giri e incalza i furcesi con una percussione dell’ottimo Simone che, percorsi quaranta metri dopo aver conquistato palla sulla destra, serve in avanti Buonasera il cui tiro è sventato a terra dall’attento Burgio.
Finale combattuto nel quale un calcio piazzato per parte fanno da chiusura al primo tempo bella ma senza reti: ci prova per primo Ponzio che serve Foti che tira al lato; battuta corta da De Francesco l’opportunità dal limite destro dell’area furcese, schema telefonato e stroncato sul nascere.
Poi tutti al riposo con l’arbitro che inizia ad usare la mano pesante dispensando ben tre cartellini gialli, sanzionando nell’ordine Puglisi, Mercurio e Giuffrida.

 

Nella ripresa Carpillo pensa alla prima mossa inserendo Barbaro a destra al posto di Silvio per una ripresa che si preannuncia agguerrita. Passano infatti solo due minuti che è Molonia a trovare la via del tiro ma la risposta di Burgio non si fa attendere.
E’ sempre Ponzio la chiave offensiva del Furci e all’ ottavo la sua azione in velocità sarebbe stata devastante senza l’intervento imperioso di Simone, eccellente la sua prova sia in contenimento che in fase propositiva. Rompe allora gli indugi mister Naccari che toglie Buda e inserisce La Vecchia per fare da propulsore alla manovra. E il nuovo entrato si presenta subito impegnando Burgio al 13’, sulla ribattuta cerca la porta di testa De Franceso senza inquadrare il bersaglio.
Due minuti dopo la risposta del Furci, sugli sviluppi di un corner respinto e Miano a cercare il jolly dal limite, tiro forte ma al lato.
Per rintuzzare la manovra a centrocampo Fleres si becca un cartellino giallo, ottimo Molonia due minuti dopo che dalla destra scavalca tutta la difesa con un traversone che plana sui piedi di Zanghì che non riesce a coordinarsi ma rischia di beffare comunque Burgio con un pallonetto svirgolato che il numero uno del Furci sventa in qualche modo.
Cambio di personale ma non di schema al 21’ per Carpillo che inserisce Coglitore al posto di Foti e poco dopo è la volta di Frazzica al posto di Ponzio per riportare Cerrito sulla mediana un po’ in difficoltà. E la risposta offensiva del Furci non si fa attendere: è il 28’ quando una azione quasi rugbistica, avviata da Proteggente e poi condotta da sinistra verso destra da Maino che pesca il liberissimo Fleres fermato dal direttore di gara che fischia l’offside non vedendo al centro dell’area un difensore che lo tiene in gioco. Il Riviera vuole il bottino pieno ma si scopre ai contropiedi del Furci: al 33’ è ancora Proteggente a infilare la corsia destra e lanciare in profondità Coglitore, ma la chiusura in spaccata con le punta del piede di Simone è decisiva nell’agevolare l’anticipo del portiere Salvatore che con difficoltà ci mette una pezza in due tempi.
Con la partita che scivola via e il risultato che non si sblocca, per il finale Naccari si affida all’estro di Sampietro che entra al posto di Picciotto.
Buona manovra del Furci al 39’ che porta al tiro Giuffrida di poco alto che Salvatore accompagna sopra la traversa; un minuto dopo sul versante opposto è De Francesco a stuzzicare Burgio che non si fa sorprendere.
Al 43’ riaffiorano i fantasmi dell’andata per il Furci che rischia sull’unica volta che il giovane Saporoso supera l’esperto Mercurio, mettendo al centro un pallone che scotta fra i piedi di Colonia che perde l’attimo buono e permette il ritorno della difesa che si immola per salvare il risultato.
Allo scadere è però il Furci a rimarcare la sua presenza in campo, quasi a voler rimarcare i propri meriti sul risultato, nonostante la pressione del Riviera dello Stretto, ma l’ottimo lancio in profondità per Coglitore è ancora stoppato dall’uscita di Salvatore.
Apprensione nel finale con le squadre stremate e l’arbitro che solo due minuti dopo il novantesimo concede ben cinque minuti di recupero per poi farne giocare solo quattro, aggiungendo un tocco saporito ad un incontro che non ha certamente annoiato gli spettatori sugli spalti.

 

FORMAZIONI
Riviera dello Stretto: Salvatore, Saporoso, Milicia, Picciotto, Caristi, Buda, Molonia, Simone, Bonasera, De Francesco, Zanghì. A disposizione: Cavallaro, Cariolo, Morabito, La Vecchia, Sampietro, Lipari, De Domenico. Allenatore: Nino Naccari
Asd Furci: Burgio, Silvio, Mercurio, Fleres, Pugliesi, Cerrito, Proteggente D., Giuffrida, Foti, Miano. A disposizione: Santoro, Frazzica, Barbaro, Romeo, Bellantoni, Coglitore, Proteggente A. Allenatore: Ciccio Carpillo.

— Giuseppe Allegra

{/xtypo_rounded2}

tratto da www.furcisiculo.net

Pin It

Login Form

© 2019 Nebrodisport
Joomla Templates by JoomZilla.com
Back to Top