Contattaci all'indirizzo mail: info@nebrodisport.it

lega calcio sicilia seconda cLa Stefanese dà seguito alla vittoria esterna della scorsa settimana, e attraverso una prestazione speculativa è riuscita ad avere ragione di un avversario apparso inconsistente sopratutto negli ultimi sedici metri. La copertina la merita il giovane Cesarino, in quanto ha offerto ancora una volta una prestazione abbastanza convincente, sfruttando a dovere le proprie caratteristiche mettendole a servizio della propria squadra. La compagine arancionera, dopo aver sbloccato la partita grazie ad una perla di Cesarino ha dovuto attendere la ripresa prima di mettere al sicuro il risultato, dopo aver sciupato in precedenza altre occasioni da rete. Il gol della tranquillità per la formazione di casa viene messo a segno in velocità da Barone, che innesca il turbo su una palla servita con il contagiri da Arancitello, e per la l'attaccante palermitano è un gioco da ragazzi battere con un delizioso tocco vellutato il portiere in uscita. Trovato il gol della tranquillità,  i padroni di casa con il passare del tempo si fanno prendere da un inspiegabile  nervosismo offrendo nel contempo sprazzi di buon gioco, come in occasione della terza marcatura, quando un onnipresente Cesarino si "beve" il proprio marcatore e mette al centro un bel pallone per l'accorrente Giangardella, che prima di battere a rete viene atterrato, non ci sono dubbi nell'assegnazione della massima punizione che viene magistralmente trasformata dallo stesso giocatore. Con la partita ormai con il risultato acquisito, non si è capito l'atteggiamento dei giocatori di casa che si sono fatti prendere da un inspiegabile nervosismo, a farne le spese il giocatore di maggiore spessore tecnico come Peppuccio Arancitello, che in uno scontro di gioco ha avuto la peggio subendo la probabile frattura del setto nasale,  dovendo lasciare anzitempo il rettangolo di gioco, con la conseguente espulsione del difensore avversario. Al rientro negli spogliatoi degli atleti espulsi, scoppia la santabarbara con una furibonda rissa dove viene richiesto anche l'intervento dell'ambulanza  del 118. Certamente un giallo che macchia una schiacciante vittoria della squadra, ma episodi del genere sono da condannare perché nulla hanno a che vedere con lo sport.

{xtypo_rounded2}

lega calcio sicilia seconda c

STEFANESE  -  NUCCIO FASANO'  3 - 0

La Stefanese dà seguito alla vittoria esterna della scorsa settimana, e attraverso una prestazione speculativa è riuscita ad avere ragione di un avversario apparso inconsistente sopratutto negli ultimi sedici metri. La copertina la merita il giovane Cesarino, in quanto ha offerto ancora una volta una prestazione abbastanza convincente, sfruttando a dovere le proprie caratteristiche mettendole a servizio della propria squadra. La compagine arancionera, dopo aver sbloccato la partita grazie ad una perla di Cesarino ha dovuto attendere la ripresa prima di mettere al sicuro il risultato, dopo aver sciupato in precedenza altre occasioni da rete. Il gol della tranquillità per la formazione di casa viene messo a segno in velocità da Barone, che innesca il turbo su una palla servita con il contagiri da Arancitello, e per la l'attaccante palermitano è un gioco da ragazzi battere con un delizioso tocco vellutato il portiere in uscita. Trovato il gol della tranquillità,  i padroni di casa con il passare del tempo si fanno prendere da un inspiegabile  nervosismo offrendo nel contempo sprazzi di buon gioco, come in occasione della terza marcatura, quando un onnipresente Cesarino si "beve" il proprio marcatore e mette al centro un bel pallone per l'accorrente Giangardella, che prima di battere a rete viene atterrato, non ci sono dubbi nell'assegnazione della massima punizione che viene magistralmente trasformata dallo stesso giocatore. Con la partita ormai con il risultato acquisito, non si è capito l'atteggiamento dei giocatori di casa che si sono fatti prendere da un inspiegabile nervosismo, a farne le spese il giocatore di maggiore spessore tecnico come Peppuccio Arancitello, che in uno scontro di gioco ha avuto la peggio subendo la probabile frattura del setto nasale,  dovendo lasciare anzitempo il rettangolo di gioco, con la conseguente espulsione del difensore avversario. Al rientro negli spogliatoi degli atleti espulsi, scoppia la santabarbara con una furibonda rissa dove viene richiesto anche l'intervento dell'ambulanza  del 118. Certamente un giallo che macchia una schiacciante vittoria della squadra, ma episodi del genere sono da condannare perché nulla hanno a che vedere con lo sport.

Lucio Volo

{/xtypo_rounded2}

Pin It

Login Form

>

Contattaci all'indirizzo mail: info@nebrodisport.it

Inviaci comunicati stampa, articoli e news

© 2019 Nebrodisport
Joomla Templates by JoomZilla.com
Back to Top