images/joomleague/2011/Sinagra/SAM_4529.JPGQuando la realtà supera la fantasia... questo si può scrivere sulla gara disputata domenica al "Barone Salleo" di Sinagra tra la compagine locale ed il Rocca di Caprileone, semifinale dei play-off del Campionato di Prima Categoria.

{xtypo_rounded2}

images/joomleague/2011/Sinagra/SAM_4474.JPGQuando la realtà supera la fantasia... questo si può scrivere sulla gara disputata domenica al "Barone Salleo" di Sinagra tra la compagine locale ed il Rocca di Caprileone, semifinale dei play-off del Campionato di Prima Categoria.

Molti tifosi locali certamente si auguravano e credevano in una vittoria dei sinagresi, che peraltro avevano già battuto i rivali del Rocca appena sette giorni prima nell'ultima giornata di campionato, ma nessuno sicuramente pensava ad una vittoria come quella di domenica... epica, memorabile, destinata a rimanere per tanto tempo impressa nella mente di chi ieri si trovava sugli spalti, ognuno di loro avrà certamente una grande storia da raccontare ai propri nipoti.

Ore 16.00 al comunale di Sinagra la gente continua ad affluire sugli spalti che si riempiono all'inverosimile, alla fine saranno oltre 500 con un centinaio di tifosi ospiti, e tutto è pronto per il fischio d'inizio dell'incontro diretto dal sig. Alberto Santoro della sez. di Messina, coaiduvato dagli assistenti Angelo Pirri e Domenico Nania della sez. di Barcellona P.G.

/images/joomleague/2011/Sinagra/SAM_4503.JPGSugli spalti si respira un'atmosfera surreale, centinaia di persone che cantano e applaudono i propri ragazzi, due colori, il giallo e il rosso, che dominano la tribuna centrale e poco più in la il bianco e l'azzurro degli ospiti in una grande festa di calcio, bisogna salire di parecchie categorie prima di trovare qualcosa di simile.

Il calcio d'inizio è degli ospiti e la gara inizia subito a ritmi elevati, passano una manciata di minuti e al 6' arriva la doccia fredda per i locali, Onofaro penetra in area di rigore e dopo aver vinto un contrasto calcia verso la porta difesa da Manera, il pallone scavalca il portiere locale ma si infrange contro il braccio di Pedalina intervenuto nel disperato tentativo di salvare la propria porta. Inevitabile il calcio di rigore decretato dal direttore di gara e la conseguente espulsione del difensore locale. Sul dischetto si presenta Marco Carscì che trasforma senza problemi il gol del vantaggio biancazzurro (sotto l'esultanza dei giocatori). Il Sinagra dopo pochi minuti si trova in dieci uomini e sotto di un gol, questo inizio gara non lasciava presagire nulla di buono per il popolo giallorosso.

images/joomleague/2011/Sinagra/SAM_4478.JPGDopo il gol del Rocca i cori dei tifosi sinagresi, coordinati dal G.U.S. (Gruppo Ultras Sinagra), crescono sempre più, l'onda giallorossa rimane incomiabilmente al fianco dei propri beniamini.

Sardo Infirri è costretto a correre ai ripari e sacrifica Giordano per far posto a Matteo Aquilia che si piazza al centro della difeso locale. Il Sinagra comincia a pressare gli ospiti nella propria metà campo affidandosi alle incursioni sulle fasce di Gregorio e Bonfiglio. I due ci provano rispettivamente da calcio piazzato e dalla distanza ma non sorprendono l'attento Lionetto, il quale è invece costretto ad un grande intervento al 35'su un tiro al volo dal vertice di Gregorio. Al 40' ci prova Aquilia di testa su calcio d'angolo ma non centra la porta, mentre al 41' una punzione di Bonfiglio viene respinta con i pugni. Per gli ospiti solo un tiro dalla distanza di Maniaci. Si chiude così la prima frazione di gioco con gli ospiti in vantaggio di un gol.

La ripresa si apre con la stessa trama tattica del primo tempo, il Sinagra in avanti alla ricerca del gol del pareggio e il Rocca di Caprileone che si affida al contropiede. Al 46' Bonfiglio lancia Gregorio sulla fascia, l'esterno mette in mezzo ma Giacobbe anticipa Rosetta prima della batutta. Dopo images/joomleague/2011/Sinagra/SAM_4488.JPGun paio di minuti è ancora Rosetta a tentare la girata in area in mischia ma il tiro è debole. Sardo Infirri effettua la seconda sostituzione della gara inserendo Mancuso al posto di Rosetta. Pochi minuti dopo è proprio Mancuso a colpire di testa su una punizione di Bonfiglio dalla sinistra, mandando la palla in rete e facendo esplodere il comunale di Sinagra (a sinistra l'esultanza del giocatore sinagrese). Adesso i giallorossi credono nell'impresa e si gettano alla ricerca del gol del vantaggio. Al 56' esce il capitano Andrea Ioppolo, autore di un'ottima prestazione, ed entra al suo posto Giovanni Gaudio.

Al 70' Aquilia lancia lungo per Lo Castro che di prima gira per Gregorio il quale con un tiro dalla distanza tenta di sorprendere il portiere ospite, ma Lionetto è attento. Al 74' azione di contropiede del Rocca con Pizzuto che entra in area dal vertice sinistro e batte in diagonale, ma il suo tiro si stampa contro la base del palo, lo stesso attaccante ospite ci riprova subito dopo con una tiro che si spegne alto sopra la traversa. All'88' il Rocca ha l'occasione per chiudere la partita con Onofaro che si ritrova a tu per tu con Manera, ma il giocatore biancazzurro calcia incredibilmente alto.

Finisce il tempo regolamentare sul risultato di 1-1 e si va quindi ai supplementari, due tempi da quindici minuti che le due squadre devono affrontare dopo 90' giocati a ritmi elevatissimi ed il Sinagra in dieci uomini per quasi tutto il tempo.

images/joomleague/2011/Sinagra/SAM_4509.JPGAl 95' tiro da fuori area di Samuele Drago parato senza difficoltà da Manera, sul capovolgimento di fronte punizione dalla trequarti per il Sinagra. Gaudio batte a sorpresa per Mancuso che si infila in area ma manda incredibilmente altro a tu per tu con Giacobbe. Al 108' calcio di punizione per il Rocca dalla sinistra, torre di Giacobbe per l'accorrente Gugliotta che al volo manda di poco a lato. Al 115' l'arbitro fischia un calcio di punizione a favore del Sinagra per fallo di Giacobbe su Lo Castro, vicino al vertice sinistro dell'area di rigore ospite, proprio sotto la curva dei sostenitori giallorossi. Sulla palla si presenta Simone Bonfiglio, calcia di destro e la sfera pennella un traiettoria memorabile (foto a destra), sospinta dallo sguardo dei tifosi sinagresi, e si insacca sotto l'incrocio dei pali alla destra di Lionetto. A questo punto è puro delirio... tifosi impazziti e la realtà supera la fantasia, il Sinagra in dieci uomini per oltre 110' riesce nell'impresa di ribaltare il risultato.

images/joomleague/2011/Sinagra/SAM_4529.JPGAl triplice fischio dell'arbitro inizia la festa.

Il dopo partita si caratterizza per il fair-play tra le due squadre e tra le due tifoserie, al cumine di una gara giocata a ritmi altissimi ma mai cattiva. Alla fine i giocatori, il presidente Salvatore Paratore, i dirigenti e soprattutto Mister Antonio Sardo Infirri, a cui vanno i meriti per la gestione di questo fantastico gruppo, si ritrovano sotto la tribuna a ricevere l'ovazione dei propri tifosi.

Accade anche che i giocatori giallorossi consolino in un lungo e commovente abbraccio il giocatore Pedalina, frenando così il suo pianto per l'espulsione che aveva messo in difficoltà la propria squadra, anche la curva si commuove...

Onore al Rocca di Caprileone del presidente Giacobbe e di mister Armeli, che ha disputato un campionato lodevole e per lunghi tratti al vertice della classifica, adesso i biancoazzurri devono concentrarsi sull'incontro di mercoledì quando Mercoledì al “Pippo Giacobbe” arriverà l’Atletico Caltanissetta per il ritorno della semifinale di coppa Sicilia. Il passaggio del turno ed eventuali buone notizie dall'altra semifinale a Vittoria potrebbero voler dire promozione....meritatissima.

Il resto è festa giallorossa!

 

images/joomleague/2011/Sinagra/SAM_4520.JPG

 

{/xtypo_rounded2}

Pin It

Login Form

© 2019 Nebrodisport
Joomla Templates by JoomZilla.com
Back to Top