CookiesAccept

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Articoli

Cairoli è record-man: a soli 18 anni si laurea campione della Porsche Carrera Cup 2014

Cairoli campione Porsche 1Un campionato sempre in testa, un rullino di marcia da record: cinque vittorie, cinque giri veloci, tre pole position ed 11 podi in 12 gare. E’ una vittoria meritata quella del comasco Matteo Cairoli, dell’Antonelli Motorsport, nel campionato di Porsche Carrera Cup 2014, con ben tre gare in anticipo.

Dopo aver conquistato la pole position ieri mattina, sul circuito storico “Enzo e Dino Ferrari” di Imola, Cairoli ha conquistato un ottimo secondo posto, in gara 1, arrivando alle spalle di Vito Postiglione. La quarta piazza di Gianluca Giraudi permette a Matteo di ottenere un vantaggio tale da laurearsi campione della Porsche Carrera Cup Italia già sabato.

Sono numeri strepitosi quello del pilota Media in Motion, che quest’anno ha dimostrato di non aver rivali, abbattendo record su record: pole position, giri veloci in gara e vittorie. Matteo, inoltre, oltre ad essere diventato il più giovane partecipante nella storia della Carrera Cup Italia, è diventato il più giovane vincitore del campionato della monomarca Porsche sia a livello italiano, sia nel panorama mondiale.

Anche ieri, in gara 1, Matteo parte alla grande: scattato dalla pole position alla prima curva riesce a dare già dieci metri di distacco a tutti gli inseguitori. Sembra una gara come tante altre: Cairoli parte in testa, scappa e va a vincere in solitaria. Non ieri, però, visto che una piccola sbavatura alla staccata della Rivazza lo fa scivolare in seconda posizione, dietro Vito Postiglione che vincerà la gara. Cairoli, ritornando sui suoi tempi, chiude al secondo posto, davanti al collega “amico” Edoardo Liberati che chiude il podio.

Questa mattina, in gara 2, Cairoli parte subito forte dalla quinta casella in griglia. Superato Giraudi si porta subito dietro Fulgenzi, Melnikov e Liberati. Si scatena un gruppo di testa che lotta, facendo a sportellate, rendendo spettacolare tutto il corso della gara. E’ Melnikov ad iniziare ad attaccare il campione della Carrera Cup 2013, Fulgenzi, ma il russo finisce sull’erba e perde il controllo della sua Porsche. A questo punto il terzetto di testa inizia a battagliare ancor di più con Cairoli che sembra averne più dei due avversari davanti. Il comasco, dopo aver superato Liberati, punta anche Fulgenzi che però riesce a tenerlo dietro. Il duello è al limite e Fulgenzi con la sua esperienza vorrebbe portarsi a casa la prima vittoria, ma il giovane dell’Antonelli Motorsport è consapevole di poterlo superare, così lo sfida. Cairoli si appoggia a Fulgenzi, che va lungo, conquistando la prima piazza. I giudici di gara, però, ritengono che la mossa del comasco sia irregolare e quindi lo chiamano a box per un drive-through. Rientra in pista e chiude la gara all’ottavo posto, mentre a vincere è Postiglione, davanti a Liberati. 

 Una gara 2, per Cairoli, che dimostra ulteriormente la voglia del ragazzo di andare a vincere sempre, nonostante la conquista del titolo di Carrera Cup Italia già ottenuta ieri pomeriggio.

 Ora l’ultimo appuntamento, a Monza, del 25-26 ottobre servirà solo per delineare il vice-campione della Porsche Carrera Cup Italia 2014, che vedrà contendersi il secondo posto  Giraudi e Postiglione. Matteo, invece, potrà godersi le due gare di Monza da campione in carica, con uno sguardo verso il futuro.

(Fonte Media In Motion)

primi sui motori con e-max.it

Statistiche

pallone 2.jpg