SCEGLI IL CAMPIONATO

CookiesAccept

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Calcio I^ Categoria. Acicatena 1 - Jonica 1

{xtypo_rounded2}

Calcio I^ Categoria. Acicatena 1 - Jonica 1

FOTO: il pallone che il portiere devia dentro la rete sul colpo di testa di Frazzica al 40’ del primo tempo.

ACICATENA – Continua il periodo maledetto per la Jonica che anche ad Acicatena non riesce ad andare oltre il pari. Un pari che sta strettissimo in una gara che definire sfortunata è poco; surreale forse è l’aggettivo giusto, visto che la Jonica ha pareggiato al 77’ con Filiciotto, dopo che nel primo tempo si era visto negare un gol solare dall’ ingiudicabile arbitro Puglisi, andando poi addirittura in svantaggio al 46’. Alla fine la vittoria poteva arrivare al 95’ quando Leo ha colpito il palo interno, il sesto legno della partita, con il pallone che ritorna fra le braccia del portiere. Certo quando sono i pali a negarti la segnatura si può parlare di sfortuna, ma quando segni e ci si mette l’errore marchiano dell’arbitro a negarti un gol nettissimo, allora si va verso l’indefinibile. Molto ben definibile è la gara condotta invece dalla Jonica, che non si è mai disunita e non ha mai perso la testa anche davanti all’incredibile, evitando quantomeno una sconfitta che sarebbe stata un vero scippo. Quadrata, caparbia per tutti i novantacinque minuti la squadra di Filoramo che come spesso è accaduto in questo scorcio iniziale di campionato ha creato tanto ed è stata punita in una delle poche occasioni in cui si ha concesso qualcosa agli avversari; fa testo la rete subita al 46’ dopo l’incredibile non concessione del gol del vantaggio, quando su un cross dalla sinistra Potenza scivola sul campo infame, ma riesce comunque a contrastare Barbagallo che ha però un rimpallo favorevole e segna di testa il vantaggio. Fra tanto rammarico e incredulità, però, rimane la grande prova fornita dagli jonici che hanno mostrato netti miglioramenti sia sul piano fisico che mentale, mettendo sotto gli avversari tenendo il bandolo del gioco per lunghi tratti. Il pareggio rende problematico il prosieguo in campionato, ma la squadra non ha nulla da rimproverarsi ed esce a testa alta dal terreno di gioco dell’Acicatena.

PRIMO TEMPO
Dopo la volitiva, quanto sfortunata, prova casalinga con il Russo Calcio, la Jonica si presenta sul campo dell’Acicatena alla ricerca di punti utili a corroborare una classifica che si fa sempre più a rischio. Filoramo schiera una formazione a tre punte, con De Luca e Ivan Briguglio accanto a Frazzica, mentre in mezzo al campo Loria, Agnone, Herasymenco e Di Bella fanno da cerniera fra attacco e la difesa con Bartorilla, Filiciotto e Santisi. E già al decimo è FIliciotto a trovarsi smarcato sul secondo palo su calcio d’angolo, ma il centrale difensivo rosso blu arriva con un nulla di ritardo sul cross dalla bandierina. Un minuto dopo punizione concessa dall’arbitro sulla lunetta dell’area della Jonica; la parabola di Barbagallo è insidiosa, ma il pallone sorvola traversa e finisce fuori.
Il guizzante D’Arrigo fa procurare un giallo a Feliciotto al 13’, due minuti dopo è ancora la Jonica a sfiorare il gol: su un traversone da sinistra di Di Bella il portiere cerca la presa, ma urtando il palo perde il controllo della sfera che mette in azione Briguglio che da posizione defilata riesce ad incrociare il tiro con una bella torsione, ma il pallone si stampa sul palo con Tutino fuori causa.
L’Acicatena è accorto con il suo 4-4-2 e si affida alle ripartente di D’Arrigo che risulta l’uomo più vivace dell’attacco. Ma al 19’ Raciti a mettere in seria apprensione la retroguardia jonica al concretizzarsi di un veloce contropiede; il suo tiro dal limite è insidioso ma Potenza si distende e devia di quel tanto che basta per evitare lo svantaggio. Ancora il numero uno rosso blu sugli scudi due minti dopo, provvidenziale la sua deviazione di piede sulla conclusione ravvicinata di D’Arrigo.
La Jonica manovra, l’Acicatena risponde con le sue ripartente in un copione che si ripete fino al 40’, quando è Di Bella a crossare ottimamente dalla sinistra recapitando il pallone sul secondo palo per Frazzica che svetta sul difensore e sorprende Tutino che con una sorta di backer pallavolistico spedisce la sfera dentro la propria porta; Frazzica esulta con tutta la squadra mentre qualcosa di strano accade nei paraggio, con l’arbitro che non indica il centrocampo e rimane fermo in area comandando il calcio d’angolo! La gioia del gol si trasforma in un incubo e non ci si capacita come il direttore di gara, da pochi passi, possa non aver visto il pallone che è entrato nettamente in rete. Ne seguono attimi di grande concitazione nei quali non c’è verso di convincere Puglisi della grossa cantonata che sta prendendo che penalizza gravemente la Jonica. Tutino “con molto fair-play” conferma la tesi dell’arbitro e così anche l’evidente viene cancellato con un colpo di spugna e guadagnare la via degli spogliatoi sono il tecnico della Jonica Filoramo e il guardalinee Saglimbeni.
La Jonica batte l’angolo ed è ancora Frazzica a colpire di testa, ma la parabola arcuata del pallone va a battere sulla traversa e finisce fuori.
Sul fronte opposto l’Acicatena prova a spostare l’attenzione da un’altra parte, ma il tiro di Raciti non è nello specchio della porta e Potenza controlla.
La Jonica reagisce con fermezza e al 45’ è tambureggiante l’azione offensiva conclusa da Filiciotto con un tiro dal limite che un difensore salva sulla linea, sulla successiva staffilata di Agnone Tutino si guadagna la pagnotta deviando la sfera con un ottimo riflesso. Un minuto dopo la beffa si concretizza allo scadere, quando Fontanot crossa dalla sinistra e Potenza scivola quel tanto che basta per perdere il suo netto anticipo sul cross, il portiere recupera la posizione eretta in tempo per contrastare il colpo di testa di Barbagallo che ha un rimpallo favorevole e manda il pallone beffardo alle spalle del portiere avversario. Una prima frazione che peggio non si poteva chiudere per la Jonica.

SECONDO TEMPO
Negli spogliatoi Filoramo cerca di mantenere compatti e concentarti i suoi per i prossimi quarantacinque minuti, che certo non iniziano nel migliore dei modi, quando è Di Bella che si procura uno strappo muscolare e deve lasciare il campo; al suo posto entra fazio che va a fare il quarto a sinistra di centrocampo. Il rischio è che la squadra si sfaldi, mentre la sfortuna continua ad accanirsi sulla Jonica al 12’, quando Herasymenko trova spazio per il tiro dal limite e un difensore devia la sfera con un piede mettendo fuori causa Tutino, ma il pallone ancora una volta si stampa incredibilmente sul palo. Ma i rosso blu non si scoraggiano, anzi si compattano, ed è ancora Filiciotto al 16’ a impegnare Tutino con un gran tiro da fuori area. E’ il 20’ della ripresa, Agnone non ne ha più e al suo posto Filoramo manda nella mischia l’esperto Lele Briguglio, mentre tre minuti dopo è Ivan Brigulgio a superare il suo avversario e battere a rete con Tutino che para la sfera a terra con qualche difficoltà.
La Jonica attacca in forze e si affida al fuorigioco per mettere fuori causa gli avanti avversari pronti alle ripartente; tattica rischiosa ma necessaria che funziona quasi sempre, tranne al 30’ quando Milia viene fermato dall’arbitro lasciando qualche dubbio al giocatore che si becca anche il cartellino giallo per proteste. Ancora il nuovo entrato ci provo poco dopo quando riesce a fra fuori Fazio con un tocco e si libera in area, ma il suo tiro è altissimo. Al 31’ Leo entra al posto di De Luca sulla mediana, con Fazio che viene spostato sul fronte sinistro dell’attacco.
La pressione della Jonica e continua mentre l’Acicatena soffre e difende nella propria metà campo cercando di chiudere gli spazi facendo scorrere il tempo; al 41’ è Scopelliti a trovare spazio in contropiede, ma la sua cavalcata viene interrotta dall’ottimo recupero del giovane Santisi.
La Jonica insiste in avanti e ha il merito di non scoraggiarsi e al 43’ viene premiata: Lele Brigulgio si incarica di battere una punizione dalla sinistra e mette un pallone lunghissimo sul secondo palo dove lo smarcatissimo Filiciotto incorna di testa mettendo alle spalle di Tutino il pallone della liberazione. 
Il pareggio da convinzione alla squadra di Filoramo che ora capisce la nuova difficoltà dei padroni di casa e prova addirittura a vincere sfruttando i cinque minti di recupero concessi da Pulgisi. Ma non è un premio ma l’ennesimo schiaffo agli sforzi di una gara che avrebbe meritato tutt’altro esito, che arriva addirittura al 95’ quando è ancora Lele Birguglio a battere una punizione dalla trequarti, pallone scodellato in area dove Spadaro trattiene Frazzica, ma dietro tutti sbuca Leo che calcia al volo in diagonale ma non può gioire, perché il pallone, l’ennesimo beffardo, sbatte sulla faccia interna del palo e ritorna docilmente fra le braccia dell’incredulo Tutino.

Finisce così 1 a 1 la nona di andata del girone E di Prima Categoria e certo non sono favorevolissimi i risultati dagli altri campi, con il Messina Sud che ha battuto in casa il Lineri Misterbianco e si porta a un punto come la Desport e l’Aci Bonaccorsi, appaiati a sette punti, impegnati oggi nello scontro diretto al comunale di Gaggi.
Molto importante e difficile sarà poi il prossimo impegno casalingo della Jonica contro il lanciato Calatabiano che vedrà il ritorno al Luigi Papandrea di Furci di alcuni giocatori che hanno fatto la fortuna dell’Asd Furci negli anni scorsi e che avranno qualche sassolino da togliere dalle scarpe, sempre sportivamente parlando. 
Ma questa sarà un’altra stria che vi racconteremo.

ACICATENA 1 – JONICA FC 1
Reti: 46’ Barbagallo (Aci), 87’ Filiciotto (Jo)
FORMAZIONI
Acicatena: Tutino, Caruso, Fontanot, Ragusa, Spadaro, Zuccarello, Messina, Barbagallo, Valenti, Raciti, D’Arrigo. A disposizione: Caruso, Giuffrida, Lizio, Scacia, Condorelli, Milia, Gambino.
Jonica: Potenza, Bartorilla, Santisi, Herasymenko, Filiciotto, Di Bella, Briguglio, Agnone, Loria, Frazzica, De Luca. A disposizione: Oliva, Tilenni, Fazio, Navarria, Lombardo, Leo, Brigulgio.
Arbitro: Puglisi di Siracusa.v

 

 


tratto da www.furcisiculo.net



">http://www.furcisiculo.net" style="color: #0000cc; text-decoration: underline;">logo_furci_siculo_sito



 

 

{/xtypo_rounded2}

 

primi sui motori con e-max.it

Statistiche

palla-in-rete.jpg