SCEGLI IL CAMPIONATO

CookiesAccept

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Calcio I Categoria: il Furci inciampa ancora a Taormina

{xtypo_rounded2}

 

Sabato 3 novembre 2012. Poteva essere un pomeriggio a tinte rosso blu e invece si è trasformato in un tramonto con cielo bianco e azzurro. Anche se la gara non era iniziata nel migliore dei modi, con la traversa colpita da Varrica dopo soli due minuti, il gol del vantaggio di Beccaria su punizione al 37’ aveva dato coraggio ai furcesi che avevano chiuso il primo tempo in vantaggio e con la prospettiva di una gestione intelligente di una ripresa di contenimento e ripartenze. Invece i secondi quarantacinque minuti sono stati un monologo assoluto dello Sporting Taormina che dopo aver pareggiato all’ 8’ con Emanuele, passa in vantaggio con Varrica al 31’e tre minuti dopo allunga definitivamente con Emanuele pescato solo in area ancora da un incontenibile Varrica. Da un possibile trionfo ad una brutta sconfitta e non sono bastati i buoni propositi con i quali si era presentato il Furci al Bacicalupo per avere ragione di uno Sporting organizzato e volitivo che mantiene salda la testa della classifica. Rallenta il passo invece la squadra di Ciatto e Frazzica che ora deve approfittare del doppio turno casalingo – mercoledì si recupera la gara con il Letojanni e sabato arriva al Luigi Papandrea il Nizza – per risalire dal quinto posto in cui è scivolato.
Certo qualcosa in più dal punto di vista del gioco bisogna fare per mettere in condizione gli attaccanti di pungere: giocare sempre palla lunga contro le difese che ormai fanno muro su Principato e Galletta non sempre può essere una tattica vincente. Specie quando le squadre sono di una certa caratura.

PRIMO TEMPOPARTE FORTE LO SPORTING MA E’ BECCARIA A FARE ILPINTURICCHIO
Per la sfida di alta classifica Ciatto può contare nuovamente sui rientranti Marco Tomasello e Cosimo Cicala che trovano posto dal primo minuto nel 3-5-2 che vede Lo Rè affiancato dai due Tomasello e una linea mediana con da destra Maimone, Cicala, Cerrito, Beccaria e Proteggente; Galletta e Principato le punte. A specchio lo schieramento di partenza di Schifilliti che deve fare a meno dello squalificato Licandri, ma recupera pienamente Varrica dall’infortunio.
Pronti, via ed è subito lo Sporting Taormina a far tremare gli ospiti: è il secondo minuto quando Caminiti sfonda sulla destra e dal fondo mette all’indietro per l’accorrente Varrica che di prima intenzione scuote violentemente la traversa. Partenza più che convinta dei bianco azzurri che la 9’ sono ancora in avanti con De Mestri che mette in area per Varrica, il cui tiro è però stoppato dalla difesa. Un minuto dopo è ancora il numero dieci di casa a provarci con un tiro al volo che finisce alto. Inizio un po’ timoroso del Furci che cerca di uscire dall’empasse all’11’ quando è Galletta ad approfittare di un disimpegno sbagliato ma a calciare fuori dal limite. Quando il Furci riesce a giocare palla a terra in zona centrale riesce a essere pericoloso ed è ancora Galletta al 14’ ad essere smarcato da Principato, ma la sua conclusione non è nello specchio della porta. Su angolo due minuti dopo è ancora lui a svettare di testa, ma la sua incornata va per la tangente invece di abbassarsi verso la porta.
Dopo le difficoltà iniziali il Furci cerca di prendere le misure ai taorminesi, anche se rischia grosso al 22’ quando Marco Tomasello invece di dar via la palla se la fa soffiare in contrasto da Varrica che vola sul fondo e serve Emanuele sul secondo palo che solissimo manca il tap in del vantaggio.
Gli inserimenti dal centrocampo di Emanuele rischiano di fare male ai furcesi al 27’, dalla sinistra il pallone viene scodellato al centro dove la difesa ribatte con affanno; si ripete ancora il copione alla mezz’ora con la retroguardia che se la cava ancora. Galletta ci prova da lontano poco dopo con pallone ancora fuori misura.
Sono comunque i taorminesi a mostrare una migliore gestione della palla, con gli ospiti un po’ troppo precipitosi ne cercare il lancio in profondità. Al 37’ è falloso l’intervento di un difensore su Galletta e sul calcio di punizione concesso due metri fuori dall’area si appresta Beccaria; stabilita la distanza della barriera il numero dieci aspetta il fischio e calcia una parabola forte ed arcuata che dopo aver battuto sul palo sotto l’incrocio alla destra di Capillari si insacca in rete. Esplode in un abbraccio corale la gioia dei furcesi, mentre mister Schifilliti deve ricorrere al primo cambio per l’infortunio di Stracuzzi: dentro La Rosa che va sulla corsia sinistra permettendo a De Mestri di spostarsi al centro della difesa.
Raggiunto il vantaggio il Furci prende coraggio e al 40’ è Principato ad uscire dalla morsa difensiva e provare il tiro dal limite, ma la bordata finisce alta sulla traversa. Nel minuto di recupero è Barrica a lanciare in area Emanale ma Barbera è attento e blocca in uscita.

SECONDO TEMPOSPORTING IN AVANTI A TESTA BASSA CHE CERCA E TROVA LARIMONTA
Schifilliti ridisegna ancora l’assetto della sua squadra mettendo D’Agostino al posto di Fazio e lo Sporting Taormina riparte a spron battuto alla ricerca della rimonta. E’ appena trascorso il primo minuto quando su un lungo lancio è Varrica a entrare in contrasto con Barbera e con la gamba tesa toglie il pallone dalle mani del portiere; l’attaccante si avventa sulla palla vagante e mette in rete, ma l’arbitro annulla per gioco pericoloso. Gol annullato ma riparte a testa bassa il toro taominese che al sesto mette alle corde il Furci con una azione tambureggiante sulla destra dove prima viene fermato Varrica e sul successivo cross è Alessio Tomasello ad anticipare di un soffio Emanuele nell’area piccola.
Ci prova poco dopo l’autore del vantaggio furcese ripetersi con una prodezza balistica da lontano, ma Capillari prima ci mette una pezza respingendo il pallone, poi nessuna arriva sul pallone che rimane li per qualche secondo prima dell’intervento di un difensore. All’ottavo minuto sembra innocua la punizione dalla tre quarti scodellata in area, ma Barbera rimane tra i pali ed è Emanuele ad avventarsi come un falco in area e calciare un tiro che si insacca sul palo opposto per il pareggio dello Sporting.
Due minti e arriva il cambio per Ciatto che toglie il difensore Marco Tomasello e mette al suo posto Pagano che si posizione sulla sinistra della mediana e Proteggente che arretra nel trio difensivo. Ma è Emanuele l’uomo imprendibile del centrocampo taorminese e al 13’ la sua penetrazione sulla sinistra porta a un cross rasoterra sventato con difficoltà da Barbera. Tre minuti ed è ancora difesa del Furci a farsi scavalcare dal un lancio lungo, Proteggente è ingannato dal rimbalzo e Varrica si trova davanti una autostrada che porta davanti a Barbera che deve superarsi per deviare sopra la traversa la bordata a botta sicura da pochi passi dell’avversario.
Al 18’ Ciatto ricorre al secondo cambio ed è Cristian Cutroneo a entrare al posto di Maimone e prendere posto a sinistra con Pagano spostato sulla corsia di destra. Posizione più congeniale per l’esterno messinese che al 20’ mette in mezzo un pallone filtrante leggermente troppo lungo che favorisce l’uscita di Capilleri. 
Schifilliti passa ad uno schieramento con due linee a quattro e Varrica ora stazione sulla destra dove mette costantemente in difficoltà il giovane Proteggente e al 22’ non basta nemmeno il raddoppio di Cutroneo per impedirgli la conclusione dalla destra che finisce di poco fuori. Quando l’attaccante del Taormina svaria sul fronte opposto la solfa non cambia e al 29’ è sul versante opposto che riceve una deliziosa palla filtrante che lo mette in posizione defilata davanti a Barbera: tiro secco rasoterra, botta che si stampa sul palo. L’avversario è ormai è alle corde, il raddoppio sembra imminente e ci pensa ancora il numero dieci bianco azzurro a prendere per mano la squadra e portarla in vantaggio: è il 31’ quando ricevuta palla sulla sinistra Varrica intraprende una azione insistita che lo porta fino al limite d’area; da li con il destro scarica un tiro di precisione che aggira Barbera e si insacca a fil di palo. 
Manca ancora un quarto d’ora, ma l’immagine di Varrica che esulta sotto la tribuna sembra raccogliere tutti i più cattivi auspici per il Furci. Ciatto ravvisa le difficoltà dei suoi e passa anche lui a un 4-4-2 che vede Beccaria allargato sulla sinistra. Ma la 34’ arriva la capitolazione, quando Varrica torna a sfondare a destra e mette sul palo opposto un pallone col contagiri per l’accorrente Emanuele che nessuno vuole sapere di marcare; una semplice formalità insaccare il tre a uno di testa per il numero sette del Taromina.
Cala il buio sul Bacicalupo ed il tiro di Cicala da lontanissimo, facile preda di Capillari, racchiude in se l’essenza di tutta l’amarezza dei furcesi, mentre al 38’ è insidiosissimo il tiro di La Rosa da sinistra che esce di pochissimo sibilando alla sinistra di Barbera.
Poi lo Sporting amministra il vantaggio fino alla fine portando a casa una vittoria meritatissima che la conferma come una delle candidate principali per la vittoria finale.
C’è molto da rivedere invece in un Furci che non riesce a variare sul copione ormai arcinoto palla-avanti-per-le-punte che troppo spesso consegna palla e iniziativa agli avversari. Pressoché inutilizzate le corsie esterne, possesso palla da perfezionare, fase difensiva da rivedere nel complesso: troppo si è sofferto non solo le punte, ma anche sugli inserimenti dei centrocampisti.
A mercoledì il primo esame di riparazione con un banco di prova più che attendibile come la Robur di Letojanni.

TABELLINO
Reti: 37’ Beccaria (Fu); 53’ e 79’ Emanuele, 76’ Varrica.
FORMAZIONI
Sporting Taormina: Capilleri, Caserta, De Mestri, Bertino, Stracuzzi, Bonanno, Emanuele, Barbera, Caminiti, Varrica, Fazio. A disposizione: Ruggeri, Di Bartolo, D’Agostino, Mannino, Amarù, Pizzolo, La Rosa. Allenatore: Schifilliti.
Asd Furci: Barbera, Tomasello A., Proteggente, Cerrito, Tomasello M., Lo Re, Maimone, Galletta, Principato, Beccaria, Cicala. A disposizione: Crimi, Fleri, Coledi, Di Nuzzo, Cutroneo F., Cutroneo C., Pagano. Allenatore: Ciatto.

tratto da www.furcisiculo.net

logo_furci_siculo_sito

{/xtypo_rounded2}

primi sui motori con e-max.it

Statistiche

pallone.jpg