SCEGLI IL CAMPIONATO

CookiesAccept

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Calcio, I Categoria: Jonica FC - Robur Letojanni 3-0

jonica robur letojanniFURCISICULO – E’ andato alla squadra di Filoramo l’atteso derby di ritorno fra le compagini joniche del girone E di I Categoria. La Robur di Letojanni è arrivata all’appuntamento con qualche assenza importante e la Jonica non si è comunque fatta sfuggire l’occasione, ritornando alla vittoria in casa dopo il deludente passo falso di Milo. Campo pesante e pioggia a singhiozzo non hanno scoraggiato la voglia di riscatto della compagine di casa che già al nono si porta in vantaggio con Frazzica, di nuovo in campo dal primo minuto; dopo un avvio molto deciso la Jonica ha un po abbassato il ritmo, la Robur ha cercato di rimettersi in rotta ma non è riuscita ad impensierire seriamente Potenza. Nella ripresa Ruggeri cerca di ridisegnare l’assetto rischiando anche l’acciaccato Principato, ma è stata la Jonica a trovare il modo di arrotondare il punteggio con Puglisi e Cannata che su due calci piazzati hanno approfittato della giornata storta del portiere Lo Monaco, subentrato a Portale. I tre punti conquistati consentono alla Jonica di agganciare a quota 24 punti i rivali della Robur e sono stati interessanti anche i risultati del sabato dagli altri campi, con tre appassionanti sfide di alta classifica che hanno visto lo stop casalingo del Calatabiano ad opera del Russo Calcio, il pareggio tra Aci Sant’Antonio e Milo e la sconfitta di misura dell’Acicatena contro il Trecastagni che si stacca in testa a più sette dalla seconda, che rimane il Calatabiano. Oggi si completa il quadro con gli altri confronti della quinta giornata che propone degli importanti scontri diretti anche in chiave salvezza.
Tornando al derby del Luigi Papandrea di Furci Siculo, le due squadre arrivano all’atteso confronto con bagagli e prospettive diversi. La Jonica è reduce dalla sconfitta di Milo che poteva aprire nuovi orizzonti alla compagine di Filoramo; non sono più molte le occasioni di riagganciarsi al groppone che aspira ai play-off e le motivazioni risultano essere raddoppiato e esulano il semplice campanilismo. La Robur arriva da una vittoria che, non è un paradosso, costa cara in termini di squalifiche con mister Ruggeri che non può contare sull’importante apporto del portiere Antonio Saglimbeni, Riccobene. Filippo Saglimbeni e l’acciaccato Principato; spazio quindi per Portale tra i pali, Sgroi in difesa e Messina in attacco. Filoramo recupera invece lo squalificato Loria, i riabilitati Frazzica e Di Bella dal primo minuto e ripropone l’assetto offensivo della positiva gara contro il Gaggi.

LA CRONACA
Primo tempo. Avvio molto deciso della Jonica che al 4’ si fa viva con Herasymenko che entra in area ma viene nell’azione di tiro viene contrastato da un difensore. Passa un minuto e la Jonica manca l’appuntamento con il gol del vantaggio, quando Portale devia in tuffo un traversone dalla destra e Loria calcia al volo dall’esterno a porta sguarnita, ma il pallone diretto in porta viene deviato in angolo dalla difesa. Il campo pesante per la pioggia della mattinata non consente grandi giocate, ma le due compagini si affrontano ugualmente a viso aperto; è il settimo minuto quando Portale esce ancora e respinge verso il centro dove irrompe Herasymenko, che tira di prima intenzione ma manda al lato. Insiste la Jonica e all’ 8’ è Loria che trova un varco sulla corsia destra ed entra in area per il cross, ma la difesa ribatte in angolo: della battuta si incarica Agnone che scodella il pallone al centro dove Frazzica è controllato da due uomini ma trova ugualmente il tempo per inzuccare il pallone del vantaggio.
La Robur cerca di darsi una scossa ma al 15’ è ancora Frazzica a cercare spazio sulla sinistra ma con conclusione debole; poco dopo sul fronte opposto è Galletta che prova a concludere a rete ma con traiettoria lenta e centrale per impensierire Potenza. Si lotta su ogni pallone fra le pozzanghere e al 30’ è ancora la Jonica a provare la via della rete con Di Bella che mette al centro dalla sinsistra, Portele devia con la punta delle dita ma il pallone arriva a Loria che però conclude alto sopra la traversa. Cinque minuti dopo la risposta della Robur arriva con Pantè, che dalla destra opera un tiro cross insidioso che Potenza intercetta e blocca con sicurezza. Nel finale i letojannesi cercano di alzare un po’ il baricentro per mettere in parrensione la difesa della Jonica che però concede poco con Bartorilla, Leo e Filiciotto a fare buona guardia sulle punte bianco nere.
Secondo tempo. Rimangono ancora quarantacinque minuti alla Robur per ribaltare il risultato e Riggeri inizia a meditare la strategia da adottare; intanto al 5’ Puglisi è fermato con le cattive al limite d’area sinistro e sul calcio di punizione lo schema porta Loria tutto solo per la battuta al volo sul palo lontano, ma la sua conclusione a botta sicura finisce fuori fra la sconforto di Filoramo. Ruggeri al 10’ rompe gli indugi e cambia tre uomini al contempo e mette in campo il portiere Lo Monaco, Sterrantino e Principato al posto di Portale e Messina. L’avvio di ripresa sembra promettere bene per il numeroso pubblico accorso al Papandrea nonostante la giornata inclemente, e invece le due squadre in campo iniziano a subire l’effetto pantano e per lunghi tratti la partita è solo un duro e sterile confronto interrotto da qualche tentativo velleitario. Frazzica prova a testare la consistenza di Lo Monaco con un tiro da lontano che risulta innocuo, poi al 20’ è Filoramo a operare il primo cambio mettendo in campo Cannata proprio al posto dell’autore del vantaggio della Jonica. Al 22’ ancora Jonica pericolosa su calcio d’angolo, con Herasymenko che colpisce debolmente, tre minuti dopo è proprio il nuovo entrato a battere una punizione da quaranta metri: tiro forte diretto verso la porta, Lo Monaco cerca la presa al corpo sul rimbalzo ma il pallone gli sfugge mentre arriva come un falco Puglisi a mettere dentro il pallone che vale il due a zero.
La reazione furiosa della Robur, ferita per la seconda volta, non si fa attendere e al 27’ è Galletta a girarsi e concludere a rete dal limite d’area, ma il tiro non è ne forte ne preciso e Potenza controlla il pallone sfilare sul fondo. Lo stesso Galletta reclamerà un rigore per un presunto fallo nei suoi confronti sugli sviluppi di un calcio d’angolo, ma l’arbitro ben piazzato non rileva irregolarità nell’azione e fa proseguire.
Al 35’ anche Puglisi lascia il campo e Filoramo mette dentro al suo posto l’ex Lele Brigulgio. I letojannesi cercano di operare un forcing per riaprire la gara, ma si scoprono ai contropiede della Jonica: al 37’ Cannata scappa sulla destra e viene steso impietosamente da dietro da Pedale che se la cava con un cartellino giallo. Della punizione si incarica lo stesso Cannata che ritenta la conclusione esplorando la soluzione sul palo scoperto dalla barriera; Lo Monaco sembra sul pallone ma la sua deviazione con una mano non è decisa e il pallone batte sul palo interno e si insacca. E’ il tre a zero che mette una seria ipoteca sul risultato e al 41’ Filoramo da spazio anche al difensore Santisi che rileva l’altro giovane promettente Leo, per gestire al meglio le forze fino alla fine di un derby che va appannaggio della Jonica che ha condotto in porto una gara che era tutt’altro che scontata, nonostante le pesanti defezioni sponda Robur. Un derby è sempre un derby anche se è scontato dire che sarebbe stato ben altra cosa vedere un confronto fra due compagini completamente in salute.

Buttando uno sguardo oltre, la Jonica è ora attesa al prossimo step probante di questo campionato sul campo dell’Aci Bonaccorsi, a quota 21 punti, oggi attesa sul campo dello Sporting Giardini alla ricerca dei punti che l’appaierebbero in classifica. Impegno non facile anche per la Robur che tornerà fra le mura amiche per affrontare l’Aci Sant’Antonio, terza forza del campionato.

JONICA FC 3 – ROBUR 0
Reti: 9’ Frazzica, 70’ Puglisi, 77’ Cannata.
FORMAZIONI
Jonica FC: Potenza, Bartorilla, Leo, Loria, Filiciotto, Di Bella, Puglisi, Agnone, Sterrantino, Frazzica, Herasymenko. A disposizione: Oliva, Tomasello, Santisi, Briguglio E., Fazio, Cannata, Briguglio I. All. Filoramo.
Robur Letojanni Portale, Del Popolo, Saglibeni S., Risiglione, Pedale, Sgroi, Pantè, Donato, Galletta, Bucalo, Messina. A disposizione: Lo Monaco, Sterrantino, Tamà, Villari, Mazzù, Principato. All. Ruggeri.
Arbitro: Saccà di Messina.

tratto da www.furcisiculo.net

logo_furci_siculo_sito

primi sui motori con e-max.it

Statistiche

pallone.jpg