SCEGLI IL CAMPIONATO

CookiesAccept

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Prima Categoria: Milo-Jonica FC 1-0

Milo Jonica

MILO – Si ferma nuovamente la striscia positiva per la Jonica che dopo le buone prove degli ultimi tempi e le due vittorie consecutive fa registrare un brutto passo falso proprio nell’importantissima sfida contro il Milo, che poteva aprire alla squadra di Filoramo più di uno spiraglio in prospettiva play-off. Terreno pesante e condizioni meteo non certo ideali per far decollare una gara che non ha brillato per gioco e occasioni da rete, e non solo per la fitta nebbia che a tratti ne ha condizionato lo svolgimento. Vittoria, comunque, meritata per il Milo che ha aspettato il momento giusto per colpire una Jonica che aveva cominciato bene, sfiorando il gol al secondo minuto con Puglisi; conclusione che rimarrà, però, l’unica di una certa pericolosità nello specchio della porta di tutta la gara. Ingenui gli jonici nell’occasione della rete che ha spezzato un confronto che sembrava ben incanalato verso un asfittico pareggio a reti inviolate; come un falco Lo Certo ha approfittato con la solita bravura della sbavatura per regalare ai suoi un vantaggio che il Milo ha gestito bene fino alla fine, senza rischiare mai, mentre Potenza ha evitato un passivo più pesante sventando un paio di occasioni in contropiede. Finale un po nervoso con la Jonica che prima reclama con l’arbitro per l’infittirsi della nebbia, poi, al suo diradarsi non riesce a trovare la via per impensierire la retroguardia di un Milo che, con umiltà e saggezza, ha badato a non scoprirsi alle quattro punte messe in campo da Filoramo per il forcing finale.
In virtù dei responsi dagli altri campi la classifica ora torna a complicarsi, con la zona play-off che si allontana e non solo per la Jonica, ma un po’ per tutte, visto il passo spedito con cui procedono la capolista Trecastagni e il lanciatissimo Calatabiano che con i suoi 40 punti stacca di ben quindici lunghezze l’Acicatena che occupa la quinta posizione a quota 25 punti. Certo mancano ancora tante gare, ma se questa tendenza verrà confermata è probabile che non ci sia la possibilità di disputare gli spareggi.

LA CRONACA
Primo tempo. Cielo grigio, nebbia fitta e campo inzuppato con ciuffi d’erba radi e a chiazze. Non di certo lo scenario ideale per una sfida che può rappresentare una svolta per la Jonica e Filoramo, anche se deve ancora fare a meno dello squalificato Loria, ritrova in panchina Di Bella e l’attaccante Frazzica, reduci da guai fisici. Di contro il Milo con una vittoria potrebbe avvicinarsi all’Aci Sant’Antonio che occupa la terza piazza. Torna al 3-5-2 il tecnico jonico con Potenza a difendere i pali con davanti a se Bartorilla, Tomasello e Filiciotto in difesa; mediana composta da Lombardo, Agnone, Lele Brigulgio, Herasymenko e Leo, mentre in avanti si affida a Ivan Briguglio e Mathias Puglisi. Ed è proprio di quest’ultimo il primo squillo di tromba della Jonica al 2’: il traversone in area è invitante, ma la sua conclusione al volo non ha la necessaria potenza per impensierire Sanfilippo che blocca in tuffo. L’avvio del Milo è un po guardingo ed è la Jonica a rifarsi viva all’11 con Ivan Briguglioche raccoglie un buon cross dalla sinistra di Leo e calcia a rete, ma il suo rasoterra è ancora preda del portiere. Non certo un avvio sotto le insegne dell’offensiva quello delle due compagini che si fronteggiano in maniera aggressiva a centrocampo, con le difese che badano a non lasciare il fianco della falange scoperta. Aleo è controllaro a vista da Bartorilla e Filiciotto, ma trova il modo di farsi molto pericoloso al 21’, quando la sua conclusione su calcio piazzato da circa venti metri passa di pochi centimetri dall’incrocio dei pali di un Potenza fuori causa. Il tiro da fuori è la specialità dell’attaccante etneo e quattro minuti dopo il suo primo tentativo ci riprova con una conclusione improvvisa che forse sarebbe finiti al lato, ma Potenza devia in angolo per non avere rimorsi.
E’ Puglisi il più vivace fra gli avanti ospiti e al 35’ approfitta di un po di spazio concesso per tirare dal limite, ma la sua conclusione è debole e Sanfilippo non deve fare gli straordinari per bloccarla.
Tutto qui per una prima frazione di gioco davvero avara di spunti e occasioni da rete.
Secondo tempo. Si giocherà ancora a non prenderle? Certo è che Filiciotto deve subito provvedere a sventare una mischia in area al 3’ minuto; un minuto dopo l’arbitro fischia un fuorigioco al Milo che sembrava dubbio anche senza il supporto della moviola. Sembra invece un po più votata all’attacco la compagine di casa che stuzzica ancora Potenza con una conclusione di Raiti sventata dall’estremo difensore. Ma la 5’ arriva l’episodio che spezza in due l’equilibrio della gara: sul lungo taglio in verticale da destra a sinistra è la difesa jonica a sembrare in vantaggio, ma Lo Certo, con grande tempismo e un mezzo fallo, riesce recuperare da dietro e a guadagnare posizione sul pallone che, condotto in area, viene calciato rasoterra con estrema precisione verso il palo lontano di potenza che, nonostante l’uscita, non riesce a deviare il pallone dell’uno a zero.
Si sblocca la partita e si scioglie anche il Milo che ora può approfittare delle nuove priorità tattiche della Jonica; al 15’ è perfetto il teso traversone da destra che trova Lo certo libero a due passi da Potenza, che con grande reattività salva sulla botta a colpo sicuro.
Non è più tempo per gli indugi e Filoramo decide al 16’ di mettere in campo la terza punta, Frazzica, che rileva il centrocampista Briguglio. E la spinta offensiva è subito più consistente con il Milo che a tratti soffre la maggiore dinamicità fisica degli ospiti che, però, si mostrano un tantino agitati e frettolosi e non trovano il modo di impensierire seriamente Sanfilippo. Così arriva la mezz’ora della ripresa e il tecnico etneo decide di mettere dentro il piede caldo di Ventimiglia che rileva Lo certo; passano due minuti ed è ancora Potenza a salvare la sua porta con un ottimo intervento su un insidioso tiro di Aleo. Jonica che non sfonda e rischia in contropiede mentre scorrono inesorabili i minuti di gioco.
Gioca il tutto per tutto al 35’ Filoramo mettendo dentro la quarta punta Sterrantino, al posto di Leo; cinque minuti dopo dentro un latro attaccante, Cannata, per rendere più corposo l’arrembaggio finale che si traduce solo in un impetuosa aggressione senza colpo ferire, mentre il Milo rischia di approfittare ancora delle ormai rade maglie della difesa jonica. Ma nulla cambierà fino alla fine con il Milo che porta a casa una vittoria che li mantiene in corsa; sfuma ancora per la Jonica l’opportunità di cogliere importantissimi punti esterni per agganciare e tenersi agganciati al gruppone che segue le due battistrada.
Sconfitta amara con un passo indietro in classifica e nella prestazione e mentre si continua a navigare a vista spunta già sabato il derby di ritorno con la Robur, che dopo un inizio campionato strepitoso, ora conserva solo tre punti di distanza dalla Jonica che deve approfittare del fattore campo per tornare in carreggiata. Spunti che, si spera, diano vita ad uno di quei confronti che entusiasmano gli spettatori al di la degli obiettivi in classifica.

MILO 1 – JONICA FC 0
Rete: 50’ Lo Certo.
FORMAZIONI
Asd Milo: Sanfilippo, Calfo, Parisi, Musmeci, Di Maria, Puglisi, De Carlo, Raiti, Aleo, Lo Certo, Indelicato. A disposizione: Musumeci, Raciti, Rosu, Parisi, D’Arrigo, Dilettoso, Vnetimiglia. All. Lamendola.
Jonica FC: Potenza, Bartorilla, Tomasello, Lombardo, Filiciotto, Leo, Brigulgio I., Agnone, Puglisi, Herasymenko, Brigulgio E.A disposizione: Allegra, Di Bella, Fazio, Restuccia, Cannata, Sterrantino, Frazzica. All. Filoramo.
Arbitro: Del Popolo di Catania.

tratto da www.furcisiculo.net

logo_furci_siculo_sito


primi sui motori con e-max.it

Statistiche

pallone.jpg