Risultati Promozione D

Classifica Promozione D

# Squadra G PTS
1 Ragusa 28 66
2 R. Siracusa 28 61
3 Enna 28 53
4 S. Eubea 28 52
5 Sp. Priolo 28 49
6 Pozzallo 28 44
7 Caltagirone 28 43
8 New Modica 28 36
9 RG 28 31
10 M.C. Augusta 28 31
11 Atl. Scicli 28 28
12 Frigintini 28 27
13 Floridia 28 26
14 Don Bosco 28 23
15 Barrese 28 12
16 Cara Mineo 0 0
Mostra Risultati e Classifiche
SCEGLI IL CAMPIONATO
PROMOZIONE GIRONE D

CookiesAccept

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Aragona due sconfitte in un solo giorno. A Raffadali passa in rimonta il Comiso. Il per la prima volta nella storia del calcio Aragonese rimane chiuso per le scellerate scelte di una parte di amministrazione comunale.

LA RETE DELL1 0 DELLARAGONA DI DI BELLAAragona 2 Comiso 3



Aragona: D’Anna, Ferrara, Marguglio, Castaldo, Di Bella, Lapi, Salemi (64’ Giovino), Sorce (73’ Spina), Fanara, Ribaudo, De Marco. All. Fanara.

Comiso: Gurrieri D., Ferrara, Nigita, Tumino, Ourodjobo, Gurrieri Nino (65’ Di Pasquale), Farina (55’ Gurrieri Antonio), Verdicchio, Fazio, Gurrieri M., Rimmaudo (87’ Mongelli). All. Nicolosi.

Arbitro: Griffo di Palermo.

Reti: 30’ Di Bella, 52’ De Marco, 59’ 70’ e 84’ Rimmaudo.

Raffadali. In vantaggio per 2-0 nella ripresa, una Aragona con la testa in aria, per non volere dire con diversi giocatori bravi solo a timbrare il cartellino, che non servirà a nulla, si fa superare dal non certo trascendentale Comiso, che saputo solamente approfittare delle distrazioni, imperdonabile degli aragonesi. Fin dai primi minuti la due squadre si studiano. Al 8’ Verdicchio impegna l’esordiente D’Anna, che ha preso tre gol senza esserne responsabile. Al 10’ il tiro di Rimmaudo va fuori. Al 12’ risponde De Marco il tiro è senza pretese. L’Aragona inizia a pressare e nel giro di una decina di minuti guadagna tre calci d’angolo. Al 24’ angolo dalla destra di Lapi, Ribaudo calcia a volo dal secondo palo, Gurrieri respinge. Al 30’ il corner è dalla sinistra, lo tira a giro Marguglio, ottimo l’inserimento di Di Bella e palla nel sacco, è un bel gol. Il Comiso prova a venire avanti, Di Bella chiude ogni varco, a centrocampo Sorce e Castaldo lottano con grinta lo stesso fa Giovanni Ferrara, che cede solo negli ultimi venti minuti sulla corsia di destra. Nella ripresa arriva quasi subito il raddoppio. Al 52’ De Marco, scambia con Fanara e con un angolato mancino supera Gurrieri con un perfetto tiro sul secondo palo al volo, bel gesto balistico. Addirittura al 57’ De Marco, con una elegante forbice sfiora il tris. Poi l’Aragona si addormenta, i suoi lottatori calano fisicamente, gli altri, molti, sono in campo, ma con la testa altrove. Al Comiso bastano tre veloci ripartenze, tutte in fotocopia a tagliare centralmente la difesa, e la buona vena realizzatrice dell’esterno Rimmaudo per ribaltare un risultato che sembrava compromesso. A questo punto chi si sta compromettendo, e molto, è l’Aragona, costretta oggi ad emigrare a Raffadali e da martedì a non potersi allenare se non sarà riallacciata la fornitura del gas metano.

Tonino Butera

Aragona due sconfitte in un solo giorno. A Raffadali passa in rimonta il Comiso. Il << Totò Russo >> per la prima volta nella storia del calcio Aragonese rimane chiuso per le scellerate scelte di una parte di amministrazione comunale.

Aragona 2 Comiso 3



Aragona: D’Anna, Ferrara, Marguglio, Castaldo, Di Bella, Lapi, Salemi (64’ Giovino), Sorce (73’ Spina), Fanara, Ribaudo, De Marco. All. Fanara.

Comiso: Gurrieri D., Ferrara, Nigita, Tumino, Ourodjobo, Gurrieri Nino (65’ Di Pasquale), Farina (55’ Gurrieri Antonio), Verdicchio, Fazio, Gurrieri M., Rimmaudo (87’ Mongelli). All. Nicolosi.

Arbitro: Griffo di Palermo.

Reti: 30’ Di Bella, 52’ De Marco, 59’ 70’ e 84’ Rimmaudo.

Raffadali. In vantaggio per 2-0 nella ripresa, una Aragona con la testa in aria, per non volere dire con diversi giocatori bravi solo a timbrare il cartellino, che non servirà a nulla, si fa superare dal non certo trascendentale Comiso, che saputo solamente approfittare delle distrazioni, imperdonabile degli aragonesi. Fin dai primi minuti la due squadre si studiano. Al 8’ Verdicchio impegna l’esordiente D’Anna, che ha preso tre gol senza esserne responsabile. Al 10’ il tiro di Rimmaudo va fuori. Al 12’ risponde De Marco il tiro è senza pretese. L’Aragona inizia a pressare e nel giro di una decina di minuti guadagna tre calci d’angolo. Al 24’ angolo dalla destra di Lapi, Ribaudo calcia a volo dal secondo palo, Gurrieri respinge. Al 30’ il corner è dalla sinistra, lo tira a giro Marguglio, ottimo l’inserimento di Di Bella e palla nel sacco, è un bel gol. Il Comiso prova a venire avanti, Di Bella chiude ogni varco, a centrocampo Sorce e Castaldo lottano con grinta lo stesso fa Giovanni Ferrara, che cede solo negli ultimi venti minuti sulla corsia di destra. Nella ripresa arriva quasi subito il raddoppio. Al 52’ De Marco, scambia con Fanara e con un angolato mancino supera Gurrieri con un perfetto tiro sul secondo palo al volo, bel gesto balistico. Addirittura al 57’ De Marco, con una elegante forbice sfiora il tris. Poi l’Aragona si addormenta, i suoi lottatori calano fisicamente, gli altri, molti, sono in campo, ma con la testa altrove. Al Comiso bastano tre veloci ripartenze, tutte in fotocopia a tagliare centralmente la difesa, e la buona vena realizzatrice dell’esterno Rimmaudo per ribaltare un risultato che sembrava compromesso. A questo punto chi si sta compromettendo, e molto, è l’Aragona, costretta oggi ad emigrare a Raffadali e da martedì a non potersi allenare se non sarà riallacciata la fornitura del gas metano.

Tonino Butera

primi sui motori con e-max.it

Risultati Promozione D

Classifica Promozione D

# Squadra G PT
1 Ragusa 28 66
2 R. Siracusa 28 61
3 Enna 28 53
4 S. Eubea 28 52
5 Sp. Priolo 28 49
6 Pozzallo 28 44
7 Caltagirone 28 43
8 New Modica 28 36
9 RG 28 31
10 M.C. Augusta 28 31
11 Atl. Scicli 28 28
12 Frigintini 28 27
13 Floridia 28 26
14 Don Bosco 28 23
15 Barrese 28 12
16 Cara Mineo 0 0

Prossimo Turno Promozione D

Statistiche

pallone 2.jpg