Stampa

{jstyle_square_green}

E’ ancora una giornata all’insegna del Montemaggiore la tredicesima di andata del campionato di prima categoria girone “B”, infatti, violando l’insidioso campo del Capaci grazie alle reti siglate da Reina e Ognibene, aggiungono un altro mattone importante verso il traguardo finale....

{/jstyle_square_green}

{jstyle_square_green}

E’ ancora una giornata all’insegna del Montemaggiore la tredicesima di andata del campionato di prima categoria girone “B”, infatti, violando l’insidioso campo del Capaci grazie alle reti siglate da Reina e Ognibene, aggiungono un altro mattone importante verso il traguardo finale. Alle spalle non molla l’Isola della Femmine, anch’esso vittorioso lontano dalle mura amiche contro il fanalino di coda Caccamo con identico risultato della capolista. Subisce un’altra frenata la rincorsa del Collesano che, nell’anticipo giocato a Finale si è fatta bloccare sul pari dalla formazione di casa. Per la cronaca a passare per primi in vantaggio sono stati gli uomini guidati da Spataro grazie ad un gol realizzato da Messina. Successivamente i madoniti hanno avuto qualche altra buona occasione per incrementare il bottino, ma il portiere del Finale Macaluso ha risposto da campione alle conclusioni degli avanti ospiti. La formazione di casa non è stata a guardare, anzi, giocando una delle migliore gare della stagione, è riuscita a trovare la forza e la caparbietà necessaria per riequilibrare le sorti dell’incontro con l’uomo del momento: ovvero l’attaccante Failla, che dopo aver regalato il gol del successo nella gara di recupero contro il S.Stefano, è riuscito a togliere nuovamente le castagne dal fuoco della propria squadra riequilibrando le sorti dell’incontro, raccogliendo un pregevole assist che gli è stato fornito dal compagno di reparto Sciarrino. Continua il momento magico di Altofonte e Colomba Bianca, che si confermano come squadre del momento, avendo inanellato una serie di risultati positivi che gli hanno permesso l’inserimento di diritto nei quartieri alti della classifica. Per quanto riguarda le compagini messinesi, stecca il Mistretta sul campo della Stella d’Oriente risultato pesante che non deve smontare gli uomini di Nino Maniaci, in quanto la formazione amastratina imbottita di giovanissimi locali, deve costruire la permanenza in questa categoria cercando di ottenere il massimo dalle gare casalinghe, in quanto negli infuocati e caldi campi del palermitano sarà difficile ma non impossibile raccogliere punti. Soffre ma vince tra le mura amiche invece il S.Stefano, che riscatta così la battuta d’arresto subita nel recupero giocato a Finale (che ha interrotto la lunga serie di risultati utili che il team guidato da Antonio Marguglio aveva collezionato), grazie ad una pregevole esecuzione del giovane e promettente Arno cl. 90, che in questa stagione sta dimostrando tutto il suo valore. Gli arancioni stefanesi hanno dovuto fare fronte alle numerose assenze, ma con tutto ciò sono riusciti ugualmente ad avere ragione di un Pallavicino che ha disputato  una onesta partita.LUCIO VOLO

{/jstyle_square_green}