Risultati Seconda E

Classifica Seconda E

# Squadra G PTS
1 Pisano 24 62
2 S. Domen. 24 55
3 Linguaglossa 24 50
4 Giarre 24 39
5 Agostiniana 24 36
6 Limina 24 33
7 Atl. Aci S. Filippo 24 25
8 Graniti 24 24
9 Savoca 24 23
10 S. C. Pasteria 24 23
11 Atl. Taorm. 24 22
12 Zafferana 24 21
13 Randazzo 24 16
Mostra Risultati e Classifiche
SCEGLI IL CAMPIONATO
SECONDA CATEGORIA GIRONE E

CookiesAccept

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Asd Pol. Montagnareale - Merì 0 - 2

{xtypo_rounded2}

Asd Pol. Montagnareale - Merì 0 - 2 
Al 13° st Grillo, al 35° st Sottile.

Ammoniti: Cadili (Mont.) Cama e Sottile (Merì). Espulsi Giangrande, Scolaro e Composto (Merì)

Montagnareale: Ceraolo, Barresi, Calabria, Ciano, Costanzo, Begay (dall'1° st Brigandì), Cadili (dal 4° del st Macula G.), Di Blasi, Biondo (dal 30° st Segreto), Macula C., Magistro M.. A disp. Nasisi, Sciammetta, Bonanno. All. Scaffidi.

Merì: Cicciari, Furnari, Cama, Puliafito, Composto, Manna (dal 40° st Isgrò), Grillo (dal 17° st Sottile), Bartuccio (dal 30° st Grasso), Giangrande, Scolaro, Calamoneri. A disp. Benenati, Rizzo, Messina, Zullo. All. Cataldi.

Arbitro: Bruno da Barcellona Pozzo di Gotto

Montagnareale: Eentrata in campo 30.10.2012267nnesima sconfitta, quarta in campionato, quinta consecutiva, per la squadra di Leo Scaffidi (se si considera il ritorno di Coppa Trinacria con il Gioiosa). Il Merì era accreditato dai favori del pronostico e lo ha confermato. Si pensi che la squadra di Cataldi ha dovuto giocare 80 minuti in dieci uomini, per l'espulsione di Giangrande (il papà ha giocato con la US Pattese); ma non si è scomposta più di tanto, ha continuato a giocare, collezionando palle gol e legittimando il successo. Che dire del Montagnareale; a livello di gioco, la squadra ospite ha vinto ai punti (oltre che nel risultato). E' vero che, a sprazzi, i giallorossi hanno fatto vedere buone geometrie, all'inizio hanno saputo dare il piglio giusto, con grinta e velocità e poi la sfortuna. Già. Poco dopo l'espulsione del giocatore del Merì, Costanzo ha colpito l'incrocio dei pali su una punizione velenosa, con Cicciari battuto, mentre poi lo stesso Cicciari, aiutato dal palo, si è guadagnato i galloni su un siluro di Claudio Macula. Ma sarebbe ingeneroso dire che il Montagnareale, per questi due episodi, significativi certo, avrebbe meritato la vittoria; è in debito con la fortuna, fuor di dubbio e si sono visti progressi nel gioco, ma non sono mancate le solite ingenuità a centrocampo ed in difesa, che hanno pesato non poco nell'economia del gioco. Sabato prossimo, però, non si può più sbagliare; c'è la trasferta a Rometta con la compagine che ha un solo punto in classifica. Potrebbe essere l'occasione per lasciare la coda della classifica e distanziarsi il più possibile dall'ultimo posto, con biglietto diretto per la terza categoria.Vediamo la cronaca.
saluto a centrocampo 30.10.2012267Pronti via e inizia la battaglia. Il Merì sembra un toro infuriato, ma i ragazzi del Montagnareale, finalmente, "mordono"; si vede determinazione, grinta e se ne può dedurre che sarà una partita diversa dalle altre, con il sangue nelle vene. Il futuro prossimo smentirà questa facile interpretazione. Primo sussulto al 9° minuto. L'arbitro Bruno sventola il rosso a Giangrande, reo di aver "imprecato" troppo; Merì in dieci uomini. Minuto 14°, secondo sussulto. Calcio di punizione dal lato destro dell'area di rigore del Merì; batte Costanzo. La parabola aggira la barriera, si "stampa" sull'incrocio dei pali ed esce fuori. Il mister Scaffidi, insieme a tutti i giocatori, impreca e medita l'uso del sale ad inizio partita; a riportare tutto alla calma, ci pensa Barresi che rischia l'autogol, colpendo il pallone, in un contrasto con Furnari. Dal 23° è un assolo del Merì; su azione manovrata, in contropiede, in azione solitaria. Tanti modi per esaltare, in certi casi, il "portierino" del Montagnareale, Ceraolo (che ha sostituito il titolare, Olivo) che esce dall'area, manco fosse Iguita e abbranca la sfera come il "giaguaro" Castellini. Altro che portierino; Ceraolo, a parte qualche ingenuità, ha tenuto testa ai più quotati avversari. Il Montagnareale, poi, dovrebbe fare una "statua" a Barresi, in versione gladiatore. Il primo tempo finisce con un netto predominio del Merì, che, proprio sul finire dei primi 45 minuti, chiede il rigore, ma Bruno è irremovibile e dice di proseguire.
Nel secondo tempo Scaffidi sostituisce Begay con Brigandì ed il centrocampo ne guadagna, quanto meno in costruzione. C'è il tempo in cui è il Montagnareale a chiedere il rigore per un fallo su Claudio Macula, atterrato in area; dalla postazione ai bordi del campo, il fallo sembra evidente. Non per l'arbitro, che sorvola anche in questo caso. La partita entra nella fase cruciale e Scaffidi fa uscire Cadili, gettando nella mischia Giuseppe Macula. La sostituzione da i suoi frutti nel gioco; triangolazione con Magistro, che, però, non da esito. Minuto 13°. Contropiede Merì: Grillo fa tutto da solo e realizza. 0 - 1 Tripudio anche sugli spalti, con i tifosi meriesi al seguito, contenti degli sviluppi della partita. A questo punto si scatena il forcing del Montagnareale; prima Biondo, poi Magistro e infine Costanzo e Barresi cercano la porta, ma non la trovano. I calci di punizione dei giallorossi finiscono al centro dell'area e al 28°, due volte, Cicciari risponde alla grande. Prima neutralizza una punizione secca di Di Blasi e poi un tiro di Brigandì, per il quale si era quasi gridato al gol. Dal 30° riprende a "macinare" il Merì, in contropiede; spesso è sfortunato o troppo frettoloso.  La palla del pareggio capita a Claudio Macula; invece di stoppare, lascia partire un tiro improvviso, si grida al gol. Cicciari, invece, fa il miracolo, tocca tanto quanto basta per far sbattere la palla sul palo ed esce fuori. Capovolgimento di fronte, Scolaro parte dalla sua trequarti, si "beve" centrocampo e difesa avversaria e tira, Ceraolo non trattiene, arriva il nuovo entrato Sottile e segna. 0 -2 Ko. Scolaro sembra "un'ira di Dio", palla al piede, oltrepassa gli avversari come birilli. Alla fine, dopo una buona percussione di Giuseppe Macula, è solo Brigandì, ma con un debole sinistro, che cerca di impensierire la  porta ospite. La partita si conclude tra le polemiche e le imprecazioni del Merì; l'arbitro, prima ammonisce e ed espelle Scolaro, uno dei migliori. Poco dopo, ancora cartellino rosso, per Composto. Triplice fischio. Il Merì vince con merito e va avanti in classifica. Complimenti al mister Cataldi, soprattutto per non aver patito l'uomo in meno. Il Montagnareale è ancora ultimo, a zero punti. Forse poteva azzardare di più; forse. E' mancato anche un pizzico di fortuna.

Massimo Natoli

{/xtypo_rounded2}

primi sui motori con e-max.it

Risultati Seconda E

Classifica Seconda E

Squadra G PT
Pisano 24 62
S. Domen. 24 55
Linguaglossa 24 50
Giarre 24 39
Agostiniana 24 36
Limina 24 33
Atl. Aci S. Filippo 24 25
Graniti 24 24
Savoca 24 23
S. C. Pasteria 24 23
Atl. Taorm. 24 22
Zafferana 24 21
Randazzo 24 16

Prossimo Turno Seconda E

Statistiche

pallone 2.jpg